Piero Terracina, nel giorno dell'inaugurazione del Labirinto della Memoria3

Caro Piero Terracina,

la comunità di Semi di Pace ti ringrazia per la preziosa testimonianza di vita e di speranza che hai saputo, con immensa generosità, donare a noi, all’Italia, al mondo!

Il dolore per non poterti più abbracciare si attenua nella certezza che le porte del cielo si sono spalancate per accoglierti come l’uomo giusto, l’uomo della pace, della generosità.

Per tutto questo siamo grati a Dio, che ci rende fratelli, per averti dato la forza di annunciare senza sosta, nel lungo tempo della tua vita, la straordinaria ricchezza di valori scaturiti dal più grande abisso di violenza, di morte e di dolore che ha rappresentato la Shoah. Dal buio e dal male assoluto hai acceso, per tutti noi, uomini e donne di questa generazione e di tutte quelle che verranno, la luce della speranza e della convivenza pacifica e rispettosa. Il patrimonio della tua eredità, umana e spirituale, ci accompagnerà nell’appassionante missione di tenere viva la Stella Polare della memoria. Adesso, ancor di più, ci sentiamo responsabili e impegnati per portare la tua voce e quella di tutti coloro che, come te, hanno conosciuto e sperimentato il dramma dello sterminio nazista.

Conserveremo l’immagine del tuo dolce sorriso e la profondità dei tuoi occhi che hanno saputo scavare nei cuori di tantissimi giovani, ai quali ti sei rivolto con semplicità e con l’efficace insegnamento della storia e dell’esperienza vissuta.

Shalom

Luca Bondi